La Macchina

maccina-plasmaone-funzionante

MDE Works: Tecnologia Italiana

Macchina innovativa ad alta tecnologia che utilizza la radiofrequenza per stimolare i processi rigenerativi della pelle, combina insieme l’azione del plasma freddo che agisce sull’epidermide con la diatermia capacitiva che agisce sul derma in profondità. Unica nel trattamento della pelle in tutte le stagioni, su tutti i fototipi e a tutte le età.

Sfrutta un tipo di trattamento non invasivo e che non causa disagio finalizzato alla subablazione della parte superficiale usurata dell’epidermide. Essendo costituito da ozono ed altre particelle fisiche come ultravioletti (UV) e fotoni, mediante un processo elettronico protetto da brevetto internazionale, permette di ottenere in più sedute, quello che si ottiene altrimenti con vari tipi di laser e peeling chimici.

Lavora infatti a 45°C rispetto ai 170-200°C dei laser frazionali, non richiedendo anestesia prima del trattamento.

Applicazioni cliniche:

Può essere applicato in medicina estetica ma si presta ad applicazioni molto varie se usato in altre modalità.

Sfrutta tre fasi:

  1. plasma freddo;
  2. peeling elettronico;
  3. diatermia capacitiva;
Plasma freddo:

produce microfori profondi e di piccolo diametro, mediante la generazione di una tensione a mezzo RF tra l’elettrodo e la pelle, per stimolare così i fibroblasti a produrre collagene, acido ialuronico ed elastina.

Peeling elettronico:

solleva la parte superficiale dell’epidermide, si ottiene aumentando la frequenza di scariche al minuto e può essere superficiale, medio o profondo. Questa fase serve per ridurre le macchie, microcicatrici da acne, microrughe, dermatiti seborroiche ed in generale a tutti quegli inestetismi dovuti all’aumento dello strato corneo e foto-aging.

Diatermia capacitiva:

crea un campo magnetico che produce un impulso termico controllato, 45°C, che stimola le HPS (heat shock proteins) con effetto riparativo, favorendo la formazione di nuovo collagene donando alla cute regolarità, luminosità ed elasticità.
Durante questa face è bene utilizzare la combinazione di creme a base di vitamine antiossidanti.

 

 

Il Software

semplicità operativa

Il software è stato sviluppato appositamente per consentire all’operatore anche più inesperto di sfruttare protocolli operativi già predisposti per le diverse tipologie di trattamenti. Questo risulta essere molto efficace, rapido e intuitivo anche ai primi utilizzi della macchina. 

Per gli operatori più esperti esiste inoltre la possibilità di utilizzare una modalità con protocollo libero, in cui inserire manualmente i parametri necessari.

Il software della macchina è capace inoltre di restituire all’operatore sul monitor, in tempo reale e con assoluta precisione l’impedenza del tessuto durante il trattamento per adattare la quantità di energia erogata alla risposta del tessuto stesso. 

SUPPORTO:        

– Presentazione Plasmaone Ita